LA VIA FRANCIGENA

La Via Francigena è parte di un fascio di vie che conduceva alle tre principali mete religiose cristiane dell’epoca medievale: Santiago de Compostela, Roma e Gerusalemme. Il percorso di un pellegrinaggio che il vescovo Sigerico, nel X secolo, fece da Canterbury per giungere a Roma rappresenta una delle testimonianze più significative di questa rete di vie di comunicazione europea in epoca medioevale. Ancora oggi sono rintracciabili sul territorio le memorie di questo passaggio che ha strutturato profondamente le forme insediative e le tradizioni dei luoghi attraversati. Un passaggio continuo che ha permesso alle diverse culture europee di comunicare e di venire in contatto, forgiando la base culturale, artistica, economica e politica dell’Europa moderna; è nota la frase del poeta Goethe secondo cui la coscienza d’Europa è nata sulle vie di pellegrinaggio. A partire dal 1994 la Via Francigena è stata dichiarata "Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa" assumendo, alla pari del Cammino di Santiago di Compostela, una dignità sovranazionale.

Nella stampa riprodotta qui in basso (cliccare su di essa per ingrandirla) sono illustrate le 22 poste che in epoca medievale erano collocate lungo le 164 miglia della via Francigena tra Firenza e Roma. E’ sulla via Francigena, a Bolsena, che la famiglia Puri ha avuto la sua dimora e le sue cantine, fino ai giorni nostri.
 

Via Francigena