Voltone

Il radicale VOL o VOLT ha senz'altro origini etrusche; diversi nomi e luoghi nelle nostre terre hanno tale provenienza. Narra un'antica leggenda delle nostre contrade di un mosto che vomitava fuoco: il mosto VOLTA. Gli studiosi vi hanno travisato la forza immensa del vulcano. L'azienda Villa Puri ha pensato di dare a un vino prodotto nelle nostre terre il nome di VOLTONE.

Voltone Rosso


Voltone Rosso - Scheda di degustazione

Descrizione: colore rosso rubino con riflessi violacei, al naso abbastanza intenso con note di frutta rossa, quali amarena e prugna. In bocca buona acidità finale piacevole e persistente.
Zona di produzione: colline sul lago di Bolsena, con esposizione sud-sudovest. Altitudine dai 350 m. ai 450 m. sul livello del mare.
Tipologia dei terreni: giacitura media collina, in pendenza verso il lago, in terreni di origine vulcanica ricchi di scheletro e tendenti allo scioglimento, e ricchi di potassio lentamente assimilabile.
Uvaggio: Sangiovese e Montepulciano espressi in diversi cloni, minori quantità di Cabernet Sauvignon e Merlot.
Vendemmia: manuale e differenziata in due momenti successivi per armonizzare le caratteristiche organolettiche e le componenti fisico-chimiche dei mosti.
Vinificazione: macerazione sulle bucce per due settimane, con rimontaggi giornalieri ed almeno due salassi negli ultimi giorni; passaggio in botte grande.
Fermentazione: in acciaio inox alla temperatura di 22°.
Grado alcolico: 12.5% secondo l'andamento stagionale.
Abbinamento col cibo: blanquette di vitello.
Bottiglia: 0,750 lt.


Voltone Bianco - Scheda di degustazione

Descrizione: giallo paglierino con riflessi dorati intensi, i profumi richiamano note di frutta bianca come pesche e albicocche, al palato buona freschezza e aciditá con nota finale piacevole.
Zona di produzione: colline sul lago di Bolsena, con esposizione sud-sudovest. Altitudine dai 350 m. ai 450 m. sul livello del mare.
Tipologia dei terreni: giacitura media collina, in pendenza verso il lago, in terreni di origine vulcanica ricchi di scheletro e tendenti allo scioglimento, e ricchi di potassio lentamente assimilabile.
Uvaggio: diversi cloni di Trebbiano e Malvasia unitamente a vecchie varietà locali e autoctone.
Vendemmia: manuale e differenziata in due momenti successivi per armonizzare le caratteristiche organolettiche e le componenti fisico-chimiche dei mosti.
Vinificazione: macerazione a freddo delle bucce sui mosti per una nottata e spremitura soffice.
Fermentazione: a temperatura di circa 16°-18° per la conservazione degli aromi presenti nei mosti.
Grado alcolico: 12.5% secondo l'andamento stagionale.
Abbinamento col cibo: risotto con la tinca, pizza bianca.
Bottiglia: 0,750 lt.

Voltone Bianco